Category Archives: StrettaMente Confidenziale

Anni-80_3

Che nostalgia gli anni ’80
per noi, i ragazzi del sessantasei

By | StrettaMente Confidenziale | No Comments

Erano gli Anni Ottanta. Carlo Rambaldi ultimava ET, l’Argentina occupava le Falkland e mentre Albano e Romina cantavano «Felicità», Marco Tardelli urlava: «Campioni del mondo!». Erano gli anni in cui per conoscere le notizie bisognava aspettare il telegiornale, per telefonare c’erano i gettoni e poi dovevi trovare una cabina libera. Sono stati dieci anni di ginocchia sbucciate e magliette zuppe di sudore, anni pieni di pane e Nutella, gli anni di bambini davvero ingenui e candidi, per cui non esistevano doppi sensi e bastava uno sguardo per farci arrossire. Con cinquecento lire ci sentivamo ricchi, diecimila lire ci sembravano una…

Read More
chef_1

Qualche buon cuoco ci difenda
dall’invasione degli ultra-chef

By | StrettaMente Confidenziale | No Comments

Qualcuno ci salvi e ci guidi fuori da questa selva fitta di padelle, pentole, mestoli e frullatori. Dall’invadente retorica della gastronomia, regno dei cuochi, che cuochi più non sono (che volgarité, direbbe Fiorello in Carla Bruni) essendo tutti promossi chef, come minimo, e sennò masterchef o, carica suprema, ultrachef. Traboccano da ogni dove, siano le tv pubbliche o private, dalle pagine dei periodici e dei quotidiani, internet, youtube, blog. Con al seguito una schiera di vestali del fornello perenne che ci insegnano a fare la frittata senza uova e a girare la polenta il numero esatto di volte, non una di…

Read More
Americano-Roma

Le moderne Madame Bovary
adesso parlano l’itanglese

By | StrettaMente Confidenziale | No Comments

Anche la famosa casalinga di Voghera, promossa da Alberto Arbasino ad esemplare di donna che poco sa e poco vuol sapere, ha imparato che le celebrities calcano il red carpet. Perché se le dicessero che le celebrità calcano il tappeto rosso, lei patirebbe l’oltraggio di essere trattata da zotica provinciale e come tale messa al bando dalla community. Di conseguenza, si sentirebbe investita della mission di riconquistare un posto nella mailing-list delle amiche che contano, per essere invitata al prossimo garden party (con veloce finger food) in una location very trendy; magari dopo un pomeriggio di shopping in compagnia di…

Read More
Gualdi-Fabbri

La solitudine dei malati rari nella giungla dei “non capisco”
Dedicato a Vincenzo Pietropaolo, amico e medico speciale di cui aspetto il Ritorno.

By | StrettaMente Confidenziale | No Comments

C’è qualcosa di peggio dell’essere malati rari: il percorso per arrivare a scoprirlo. Quando (e se) lo si accerta, scopri anche che la tua malattia colpisce una persona ogni tot milioni di abitanti. Il che, tradotto in soldoni, significa che c’è scarsa (o nessuna) ricerca, che ci sono pochi medici nel mondo che la conoscano, e ti prescriveranno mille test e analisi, diagnosticando poi, con assoluta certezza, tutto e il contrario di tutto. Oppure, preferiranno scappare, non senza prima averti guardata, scuotendo la testa, come a dire: poveretta, non c’è proprio niente da fare. Purtroppo la storia questa volta non…

Read More
Untitled-1-DEF

Per una sindaca uccisa dalla criminalità
ce ne sono altre due uccise dal ridicolo

By | StrettaMente Confidenziale | No Comments

Storie di donne, destini diversi legati al medesimo ruolo. Tre sindache, o sindachesse, di qua e al di là dell’Oceano, un’unica trama, intrecciata solo dalla loro funzione pubblica, che potrebbe avere per titolo la parafrasi di un film di Sergio Leone. Nel nostro caso: l’Eroina, Frau Girandola e Beata Arlecchina. La recita è questa. Gisela Mota Ocampo, prima cittadina di Temixco, Stato di Morelos, Messico, eletta per il suo programma di lotta ai cartelli del narcotraffico, è stata in carica ventiquattro ore. Alle 7,30 del mattino del secondo giorno un gruppo di sicari è entrato in casa sua e l’ha…

Read More