Category Archives: StrettaMente Confidenziale

Gualdi-Fabbri

La solitudine dei malati rari nella giungla dei “non capisco”
Dedicato a Vincenzo Pietropaolo, amico e medico speciale di cui aspetto il Ritorno.

By | StrettaMente Confidenziale | No Comments

C’è qualcosa di peggio dell’essere malati rari: il percorso per arrivare a scoprirlo. Quando (e se) lo si accerta, scopri anche che la tua malattia colpisce una persona ogni tot milioni di abitanti. Il che, tradotto in soldoni, significa che c’è scarsa (o nessuna) ricerca, che ci sono pochi medici nel mondo che la conoscano, e ti prescriveranno mille test e analisi, diagnosticando poi, con assoluta certezza, tutto e il contrario di tutto. Oppure, preferiranno scappare, non senza prima averti guardata, scuotendo la testa, come a dire: poveretta, non c’è proprio niente da fare. Purtroppo la storia questa volta non…

Read More
Untitled-1-DEF

Per una sindaca uccisa dalla criminalità
ce ne sono altre due uccise dal ridicolo

By | StrettaMente Confidenziale | No Comments

Storie di donne, destini diversi legati al medesimo ruolo. Tre sindache, o sindachesse, di qua e al di là dell’Oceano, un’unica trama, intrecciata solo dalla loro funzione pubblica, che potrebbe avere per titolo la parafrasi di un film di Sergio Leone. Nel nostro caso: l’Eroina, Frau Girandola e Beata Arlecchina. La recita è questa. Gisela Mota Ocampo, prima cittadina di Temixco, Stato di Morelos, Messico, eletta per il suo programma di lotta ai cartelli del narcotraffico, è stata in carica ventiquattro ore. Alle 7,30 del mattino del secondo giorno un gruppo di sicari è entrato in casa sua e l’ha…

Read More
Società Multietnica

La società multietnica ideale su un atollo dell’Oceano Indiano

By | StrettaMente Confidenziale | No Comments

La premessa, in questo caso, è fondamentale. Resto salda sulle mie convinzioni. E ve le elenco brevemente: 1) è innaturale essere cresciuti da un genitore A e un genitore B: Dio, o chi per lui, ha deciso che siano un uomo e una donna a generare una vita; 2) i musulmani (non i terroristi) possono convivere nel nostro Paese rispettando innanzitutto la nostra cultura: a casa nostra, loro devono adeguarsi a noi, non viceversa; 3) raramente ho incontrato francesi che non fossero un po’ supponenti. Per la serie: noi siamo il verbo, nei casi più aggraziati; con la frase del…

Read More